Praticare una corretta raccolta differenziata è fondamentale per permettere la nostra sopravvivenza e quella del pianeta sul quale viviamo. Tra i tanti prodotti che possiamo riciclare, lo smaltimento della carta è una delle cose più importanti da effettuare e in questo articolo vedremo perché.

Perché il riciclaggio della carta

Il corretto smaltimento della carta aiuta indubbiamente il nostro pianeta a consumare meno risorse boschive e idriche, permettendo così la conservazione della natura. È stimato che quasi il 30% dei rifiuti prodotti in Italia è composto da carta e cartone. Capire l’importanza della differenziata e in particolare il corretto smaltimento della carta risulta quindi necessario per un buon smaltimento dei rifiuti. Il riciclaggio della carta, permette infatti la conservazione della natura grazie al minore abbattimento degli alberi dei nostri boschi e dell’utilizzo dell’acqua dei nostri fiumi. Soprattutto in un paese come l’Italia, dall’equilibrio idrogeologico e climatico molto fragile, mantenere dei polmoni verdi come i boschi significa migliore qualità dell’aria e soprattutto prevenzione contro le catastrofi di tipo alluvionale.

Il vantaggio dello smaltimento della carta

Alcune aziende italiane hanno già iniziato, ma il trend ancora deve decollare in modo definitivo. Stiamo parlando dell’immisione nel mercato di prodotti realizzati con il riciclaggio della carta. Quaderni o carta per stampanti in carta riciclata sono già sugli scaffali dei nostri supermercati e testimoniano una forte fiducia nel riciclaggio della carta. Il vantaggio nel riciclaggio di questo materiale è che ha un ciclo pressoché infinito . Infatti se andiamo a vedere come viene effettuato lo smaltimento della carta, vedremo che la maggior parte di essa, oltre il 60% viene riutilizzato nel processo di riciclaggio, un’altra parte viene bruciata per produrre energia, mentre solo una piccola parte finisce nella discarica.

Quali sono i prodotti che possono essere riciclati?

La maggior parte dei prodotti realizzati in carta possono essere riciclati, ma non tutti, un piccolo elenco può aiutarci a fare chiarezza:

  • Quotidiani
  • Riviste
  • Quaderni di scuola
  • Libri vecchi
  • Fumetti
  • Sacchetti di carta (es. imballaggi del pane o della frutta e verdura)
  • Scatole
  • Depliant, pieghevoli pubblicitari
  • Contenitori per bevande o per prodotti alimentari (es. latte, succhi di frutta, vino, panna) debitamente lavati e appiattiti

Ciò che purtroppo non è ammesso nel ciclo di riciclaggio della carta sono i materiali cellulosici sporchi (ad esempio l’imballaggio della pizza, i tovaglioli o fazzoletti), gli scontrini del supermercato (perché trattati chimicamente) o i contenitori dei detersivi.

Come avviene il riciclaggio della carta

Il riciclaggio della carta avviene sostanzialmente in sei passaggi:

  1. La raccolta da parte dei servizi che gestiscono i rifiuti in ambito locale e lo stoccaggio negli appositi siti dedicati
  2. Prima ancora di procedere con il processo di riciclaggio nello smaltimento della carta è necessario un processo di selezione, tra i materiali cellulosici e eventuali residui di altri prodotti
  3. Sminuzzamento della carta e relativo sbiancamento per eliminare gli inchiostri
  4. In seguito la carta selezionata verrà ridotta in poltiglia con aggiunta di acqua calda
  5. Ulteriore processo di selezione per purificare la carta dalle scorie ancora presenti
  6. Infine una piccola aggiunta di cellulosa vergine

Dopo questi sei passaggi lo smaltimento e il riciclaggio della carta possono dirsi conclusi e questo materiale potrà finalmente tornare sul mercato.