067932841
Notice: get_userdatabylogin è deprecata dalla versione 3.3.0! Utilizzare al suo posto get_user_by('login'). in /home/webadmin/romanamaceri.it/wp-includes/functions.php on line 3831
All Posts By

Francesco Rossi

Lo stoccaggio dei rifiuti sanitari infettivi

By | Servizi e Normativa | No Comments

La linea di demarcazione tra deposito temporaneo e preliminare è il confine lungo cui passa la configurazione del reato di stoccaggio illecito dei rifiuti. La durata del deposito è il discrimine principale, che diventa ancora più stringente quando si parla di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. In presenza di una normativa così delicata è bene affidarsi a professionisti del settore, per essere sicuri di non sbagliare.

Stoccaggio o deposito temporaneo?

La definizione del concetto di stoccaggio dei rifiuti, e del relativo reato di stoccaggio illecito, è legata a quella di deposito e in particolare alla distinzione tra preliminare e temporaneo. Nello specifico, lo stoccaggio è considerata un’attività di gestione dei rifiuti, capace di ricomprendere al suo interno sia il deposito preliminare (che riguarda materiali destinati allo smaltimento) che la messa a riserva (che riguarda materiali destinati al recupero). Il deposito preliminare può essere realizzato solo da soggetti e in luoghi autorizzati alla gestione dei rifiuti. In questo si differenzia nettamente dal deposito temporaneo, che invece precede l’inizio delle attività di gestione, non necessita di autorizzazioni ed è affidato allo stesso produttore dei rifiuti, presso i locali di produzione, con precisi limiti quantitativi e di tempo fissati dalla legge.

Leggi anche: La disciplina del deposito temporaneo dei rifiuti

E’ in questa differenziazione che,  per tutte le strutture sanitarie o comunque per tutte le attività che producono riifuti sanitari, si annida  il rischio di commettere un illecito.

Infatti, se i limiti imposti per il deposito temporaneo vengono superati questo si trasforma automaticamente in deposito preliminare (quindi stoccaggio) e, in assenza delle previste autorizzazioni, in uno stoccaggio abusivo di rifiuti. L’ipotesi configura un vero e proprio reato, punito con l’arresto da tre mesi ad un anno o con una sanzione amministrativa da 2.600 euro a 26.000 euro; tale sanzione può essere ridotta da a 15.500 euro per quantitativi non superiori a duecento litri o equivalenti.

Si tratta quindi di una questione delicata, su cui è bene farsi seguire da professionisti della gestione dei rifiuti. In questo modo si ha la certezza di rispettare tutte le prescrizioni e di non rischiare nulla, potendo continuare a lavorare in tranquillità.

La normativa specifica dei rifiuti sanitari infettivi

La materia si fa ancora più sensibile quando si è in presenza di particolari tipologie di rifiuti, come ad esempio quelli sanitari pericolosi a rischio infettivo. Rientrano nella categoria:

  • i rifiuti che provengono da ambienti di isolamento infettivo con rischio trasmissione infezione e da ambienti dove hanno soggiornato persone con malattie infettive;
  • tutti i rifiuti che sono contaminati da sangue visibile, liquidi corporei provenienti da pazienti con malattie infettive trasmissibili attraverso secrezioni;
  • rifiuti contenenti secrezioni e liquidi corporei di vario genere;
  • rifiuti da attività veterinaria contaminati da agenti patogeni.

Le conseguenze nocive per la salute connesse al tardivo smaltimento di questi materiali hanno spinto il legislatore a prevedere un limite temporale molto più stringente per l’ipotesi di deposito temporaneo. La normativa prevede espressamente che tale deposito  possa avere una durata massima di cinque giorni dal momento della chiusura del contenitore; tale termine è esteso a trenta giorni per quantitativi inferiore a 200 lt, nel rispetto dei requisiti di igiene e sicurezza e sotto la responsabilità del produttore. Oltre questa scadenza si verifica la situazione già descritta: il deposito temporaneo si trasforma in preliminare e, in assenza di autorizzazioni, in stoccaggio illecito.

MUD 2017, la scadenza si avvicina: cos’è e chi è obbligato a presentarlo

By | Servizi e Normativa | No Comments

Il 2 maggio scade il termine per la presentazione del MUD, Modello Unico di Dichiarazione Ambientale che certifica i rifiuti prodotti da un’attività nel corso dell’anno. Romana Maceri propone un breve vademecum che spiega di cosa si tratta, chi sono gli obbligati e come si presenta, per non sbagliare uno degli adempimenti burocratici più importanti del settore.

Cos’è il MUD?

MUD è l’acronimo per Modello Unico di Dichiarazione Ambientale. Indica l’adempimento annuale con cui ogni produttore di rifiuti comunica ufficialmente la quantità di materiali avviati allo smaltimento o al recupero, organizzati sulla base dei codici CER. Si tratta di un passaggio burocratico essenziale e delicato nel quadro complessivo della normativa sulla gestione dei rifiuti, a cui ogni artigiano, commerciante o imprenditore deve prestare la massima attenzione. La normativa indica in maniera puntuale i soggetti obbligati così come le scadenze e le modalità di presentazione; per essere certi di non sbagliare è bene farsi assistere da aziende specializzate nel settore, come Romana Maceri.

Chi è obbligato a presentarlo?

Non tutte le attività produttive sono obbligate alla presentazione del MUD. Sicuramente il MUD deve essere compilato da enti ed imprese che producono rifiuti pericolosi, a prescindere dal numero di dipendenti.

Per quanto riguarda i rifiuti non pericolosi, invece, l’obbligo del MUD sussiste solo per enti ed imprese che svolgono attività industriale o artigianale e che hanno più di 10 dipendenti. Sono invece completamente esonerate, sia per i rifiuti pericolosi che per quelli non pericolosi, le imprese agricole e le attività non inquadrate sotto forma di enti o imprese (es: ditte individuali, studi dentistici, ecc).

Come deve essere trasmesso ed entro quando?

La legge prevede due possibili forme di invio del MUD: cartacea e telematica.

Il MUD cartaceo (detto anche semplificato), inviato mediante raccomandata A/R, è appannaggio delle attività che, nel corso dell’anno, hanno prodotto al massimo 7 tipologie di rifiuti, affidandosi a non più di 3 trasportatori e 3 impianti di conferimento. La modalità telematica, invece, si applica, in via residuale, a tutti gli altri obbligati.

Il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione è il 2 maggio 2017 (visto che il 30 aprile, data originaria, è un giorno festivo). La scadenza è tassativa, il ritardo comporta sanzioni amministrative.

La differenza fra rifiuti pericolosi e non pericolosi: il caso dei codici CER speculari

By | Servizi e Normativa | No Comments

Alcuni rifiuti possono essere pericolosi o non pericolosi, a seconda del processo produttivo che li ha generati. La corretta identificazione è un momento cruciale nell’iter di gestione degli stessi e la legge ne affida la responsabilità al produttore.

La struttura del Catalogo Europeo dei Rifiuti: come identificare il corretto codice CER

La distinzione fra rifiuti pericolosi e non pericolosi non è sempre immediata. Un’errata identificazione può dar luogo a sanzioni a carico del produttore. Il momento dell’assegnazione ad un rifiuto del relativo codice CER è una tappa fondamentale dell’iter di gestione dei rifiuti, perché influenza tutte le scelte successive.

Il Catalogo Europeo dei Rifiuti, così come definito dalla Decisione 2000/532/CE, è il documento che stabilisce i criteri di classificazione dei rifiuti, associando a ciascuno un codice numerico identificativo (CER). Ogni artigiano, commerciante o imprenditore ha la responsabilità di attribuire agli scarti della sua attività il corretto codice CER, per consentire l’avvio ad un adeguato processo di recupero o smaltimento.

Il codice CER si compone di 6 cifre. Le  prime due qualificano la “famiglia”, ovvero la tipologia di attività produttiva che ha generato il rifiuto. I successivi due numeri, invece, dettagliano all’interno della famiglia un’attività più specifica, mentre la terza coppia identifica proprio la sostanza di scarto e la sua consistenza fisica (polvere, liquido, solido). La procedura prevede che, in sede di classificazione, si controllino prima le famiglie da 1 a 12 e da 17 a 20, poi, in subordine, quelle da 13 a 15. Solo come ultima istanza si può far riferimento alla famiglia 16, detta dei rifiuti fuori specifica, che ha valenza residuale.

I codici speculari o codici specchio

In sede di identificazione del rifiuto una delle difficoltà che viene in rilievo è quella legata ai cosiddetti codici CER speculari (o codici specchio). In generale i rifiuti si dividono in pericolosi o non pericolosi. Secondo la legge, però, alcune sostanze possono ricadere alternativamente nell’una o nell’altra categoria. Questo significa che il medesimo rifiuto, proveniente dalla stessa attività produttiva, può essere classificato a volte come pericoloso, altre volte come non pericoloso. A fare la differenza è, ancora una volta, l’attività che lo ha generato. Alcuni processi, infatti, possono aumentare o diminuire la concentrazione di una determinata sostanza all’interno del rifiuto, o causa la presenza al suo interno di elementi contaminanti. E’ il caso, ad esempio, degli esausti da stampa (toner, cartucce, ecc), che possono essere inseriti tra i pericolosi o i non pericolosi solo a  seguito di analisi chimica in laboratorio.

In questo caso la corretta conoscenza del processo produttivo, sostenuta eventualmente dall’esecuzione di analisi, è fondamentale per non incappare in errori che possono dar luogo anche a conseguenze gravi. In particolare, la legge sanziona severamente l’eventuale “declassificazione”, ovvero la catalogazione come non pericoloso di un rifiuto che invece è pericoloso. Ecco perché è importante affidarsi a professionisti specializzati nella gestione dei rifiuti.

Come smaltire correttamente toner e cartucce della stampante

By | Servizi e Normativa | No Comments

Nella categoria degli esausti da stampa rientrano tutte le cartucce ed i toner utilizzati dalle diverse tipologie di stampanti. Vanno tenuti distinti dai RAEE e hanno una loro procedura di smaltimento che, nel caso di imprese o artigiani, deve essere seguita con attenzione se si vogliono evitare sanzioni.

Definizione e disciplina generale

Gli esausti da stampa sono una delle tipologie di rifiuti più diffusa tra quelli prodotti da artigiani e imprese, perché ogni attività  produttiva, piccola o grande che sia, ha in dotazione macchinari da ufficio come stampanti o fax. Nella categoria infatti rientrano i toner delle stampanti laser, le cartucce a getto di inchiostro, i vecchi nastri ad impatto e i rotoli ink film. Il decreto legislativo 152/06 li qualifica come rifiuti speciali, che a seconda delle sostanze contenute all’interno possono essere pericolosi o non pericolosi. Per classificare un esausto da stampa come rifiuto non pericoloso, è necessaria un’analisi clinica effettuata da un laboratorio.

I principi che regolano lo smaltimento degli esausti da stampa sono quelli generali che disciplinano la gestione dei rifiuti prodotti sul lavoro. Responsabile del processo è sempre e comunque il produttore del rifiuto, quindi l’artigiano o il titolare dell’azienda, che deve attribuire il corretto codice CER e affidarsi a soggetti autorizzati sia per il trasporto sia per lo smaltimento. Nella fase che intercorre tra la produzione e la raccolta possono essere conservati in deposito temporaneo, all’interno di appositi contenitori (ecobox), rispettando la normativa generale in materia. Infine, le formalità burocratiche da espletare sono: il Formulario di Identificazione del Rifiuto, e dove previsti il Registro di Carico e Scarico, il MUD e il Sistri.

Le sanzioni per eventuali violazioni sono piuttosto onerose: si va da un minimo di 1.032,00 euro a un massimo di 92.962,00 euro.

Falsi miti da sfatare

In materia di smaltimento di esausti da stampa persistono alcuni falsi miti che è opportuno sfatare:

  • non possono essere conferiti presso una discarica comunale: perché non sono rifiuti urbani ma speciali. La consegna presso un’isola ecologica, invece, è consentita solo ai privati cittadini non alle attività professionali;
  • non possono essere restituiti a chi vende cartucce: a meno che il rivenditore in questione non sia anche un soggetto autorizzato alla gestione dei rifiuti (eventualità molto rara);

non sono dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche): stampante e toner sono due cose diverse e possono essere smaltiti insieme solo se costruiti in maniera tale da essere inseparabili (secondo un espresso chiarimento della Commissione Europea).

La disciplina del deposito temporaneo dei rifiuti

By | Servizi e Normativa | No Comments

E’ un passaggio delicato che si frappone tra la produzione dei rifiuti e la loro raccolta da parte di un trasportatore autorizzato. Depositare temporaneamente i rifiuti in maniera corretta è responsabilità del produttore che deve rispettare poche ma essenziali regole per non incappare in sanzioni.

Con il termine “deposito temporaneo” la normativa ambientale indica quella fase in cui i rifiuti prodotti vengono raggruppati per tipologia e conservati in vista della loro raccolta e del successivo avvio allo smaltimento o recupero. Si differenzia nettamente dallo stoccaggio, che presuppone una gestione dei rifiuti già in corso, ed è subordinato ad autorizzazione. Il principale testo di riferimento è sempre il D.Lgs 152/2006.

Luogo di deposito, limiti e specifiche tecniche

Il primo elemento che viene in rilievo è il luogo di deposito dei rifiuti, che deve essere all’interno del luogo di produzione degli stessi. Secondo un’interpretazione ormai consolidata, questo concetto si estende fino a ricomprendere anche altre strutture nella disponibilità dell’azienda e collegate al luogo di produzione da un nesso funzionale.

Ovviamente il deposito temporaneo, essendo sottratto alle autorizzazioni previste per lo stoccaggio, non può durare troppo a lungo. La normativa impone due limiti: temporale e quantitativo. Il produttore, nello specifico, può trattenere in deposito fino a 30 metri cubi di rifiuti (di cui massimo 10 metri cubi di pericolosi) e comunque per un periodo non superiore ai 12 mesi (anche se il limite quantitativo non è ancora raggiunto). Nel caso in cui si raggiunga la produzione di 30 metri cubi, corre l’obbligo di smaltirla almeno una volta ogni tre mesi.

Altro punto di attenzione sono le modalità di conservazione in deposito. I rifiuti devono essere presi in carico e collocati in contenitori idonei e opportunamente etichettati, per evitare miscelazioni, fuoriuscite o contaminazioni. Inoltre devono essere osservate eventuali regole speciali, collegate a particolari sostanze. Questo significa che il rifiuto deve essere stato correttamente identificato.

Il rischio sanzioni

Il responsabile del deposito temporaneo è il produttore dei rifiuti, anche nel caso in cui decida di demandare la gestione pratica dello stesso ad un soggetto terzo (ad esempio un’impresa di pulizie). Questa opzione, tra l’altro, è possibile solo nella misura in cui il soggetto esterno si limiti ad organizzare i rifiuti all’interno del luogo di produzione, senza sfociare nella vera e propria gestione.

Se non vengono rispettate le prescrizioni in materia di deposito temporaneo dei rifiuti, possono concretizzarsi quattro diverse casistiche, con relative sanzioni. Se i rifiuti sono destinati allo smaltimento o al recupero ci si trova davanti ad un deposito preliminare o a una massa a riserva, attività che possono essere svolte solo da soggetti autorizzati. Altrimenti si configura un ipotesi di deposito incontrollato o di abbandono di rifiuti.

Accedi


Nome utente
Crea un nuovo account
Password
Password dimenticata? (chiudi)

Create an Account


Nome utente
Email
Password
Confirm Password
Want to Login? (chiudi)

forgot password?


Username or Email
(chiudi)